Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in D:\siti\cabrilla.it\cabrilla.it\libraries\joomla\filter\filterinput.php on line 512

Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in D:\siti\cabrilla.it\cabrilla.it\libraries\joomla\filter\filterinput.php on line 514

Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in D:\siti\cabrilla.it\cabrilla.it\libraries\joomla\filter\filterinput.php on line 512

Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in D:\siti\cabrilla.it\cabrilla.it\libraries\joomla\filter\filterinput.php on line 514

Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in D:\siti\cabrilla.it\cabrilla.it\libraries\joomla\filter\filterinput.php on line 512

Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in D:\siti\cabrilla.it\cabrilla.it\libraries\joomla\filter\filterinput.php on line 514

Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in D:\siti\cabrilla.it\cabrilla.it\libraries\joomla\filter\filterinput.php on line 512

Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in D:\siti\cabrilla.it\cabrilla.it\libraries\joomla\filter\filterinput.php on line 514

Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in D:\siti\cabrilla.it\cabrilla.it\libraries\joomla\filter\filterinput.php on line 512

Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in D:\siti\cabrilla.it\cabrilla.it\libraries\joomla\filter\filterinput.php on line 514
Ray Bethell
Home Ray Bethell

Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in D:\siti\cabrilla.it\cabrilla.it\libraries\joomla\filter\filterinput.php on line 512

Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in D:\siti\cabrilla.it\cabrilla.it\libraries\joomla\filter\filterinput.php on line 514

Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in D:\siti\cabrilla.it\cabrilla.it\libraries\joomla\filter\filterinput.php on line 512

Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in D:\siti\cabrilla.it\cabrilla.it\libraries\joomla\filter\filterinput.php on line 514

Ray Bethell

Ogni aquilonista ha il proprio Maestro, una persona che ha ispirato ed influenzato il proprio modo di volare.
Per me, l'unico vero Maestro degli aquiloni è Ray Bethell.

Questa pagina è dedicata a lui, è un piccolo prezioso ricordo di quando l'abbiamo conosciuto,
ma non dimenticate di vistare il suo sito web www.raybethell.com e di leggere la sua biografia!

 

Versione articolo In Italiano

Every Kiter has his own Master, one that inspired and influenced the way of flying kites.
For me, the unique Master in kite flying is Ray Bethell.
Crais con RayInstead of listing all the awards and records that he won (and that you can see on his website www.raybethell.com) also it is a must to check out his Bio, let me share with you one of the most precious memory that I have of Ray Bethell.
We met him in 2001, when we took part for the first time at the Cervia Kite Festival. We were quite new on the field and we only had a couple of kites, and even not acrobatic one. Because of that we didn't share the main Kite arena. We were there just to enjoy the wind, the beach and the sun and yes, also trying to improve our flying skills.
It was an early morning when we got to know Ray. We were trying our new acrobatic kites (bought the day before), trying to flying pairs team together, when Ray saw us and came over close walking on the beach. He stayed there for a while watching us, then he moved closer, then he bent down and picked up 2 wooden sticks off the sand. I will never forget the following minutes: he stayed there with us, teaching us how to move our body, hands, and lines, giving the kites the unique grace and beauty that he portrays when he fly's his kites.
Ray
I was more than amazed as I never thought that a Master like him could leave his kites for a moment to teach us the right way to fly, he used the sticks as two kites showing us how to follow each other also other simple moves, Ray also touched our hands with the stick when we were not following what he was trying to teach us. That’s why for me he is the Master of Kites. During the years we also got to know Ray as a Man: who became our friend, we saw him flying kites with intimate pain and sometimes with tears in his eyes, caused by a fall the day before hurting his shoulder, but he still flew as always with the same grace, love and passion for life. I've always said that he is like a big Grandad for all the children that dream for his signature on their kites. He is also a great Man in the eyes of all the people that meet him during the kite festivals, people from all over the world. If you want to meet him, just go on the beach in the early morning, he is always the first to arrive and the last one that leave the beach along with his lovely and always smiling Dolores. If you want to speak to him and shake his hand, don`t be afraid he will not only welcome you,but you will receive also a big big hug and a smile that you will always remember meeting Ray. If you want to congratulate to him after his performance , just wave your hands in the air, so he can understand your appreciation (and you are always allowed to bring him something fresh to drink). I always cry when I see him flying… because, this is the truth, he doesn't fly a kite, he flies with his kites! So thank you Ray and see you in Cervia!!!
Thank you Ray for reading.
With Respect, Cristina

 

 

... e per chi non sa l'inglese, ecco la versione italiana.

RayAbbiamo incontrato Ray nel 2001, quando per la prima volta abbiamo partecipato al Festival degli Aquiloni di Cervia. Eravamo nuovi ad un tale evento e avevamo solo un paio di aquiloni e neache acrobatici. Proprio per questo eravamo un pò distanti dall'area principale, diciamo che più che altro eravamo li per goderci il vento, la spiaggia, il sole e anche per migliorare le nostre capacità nel volare con gli aquiloni. Era mattina presto quando l'abbiamo conosciuto. Avevamo comprato il giorno prima due aquiloni acrobatici, e li stavamo provando cercando di volare insieme, creando delle figure nel cielo. Ray era poco distante, si stava preparando al volo con i suoi aquiloni, quando ci ha visto e si è avvicinato camminando sulla spiaggia. Ci ha guardato per un pò, poi si è avvicinato ed ha raccolto due bastoncini di legno dalla sabbia. Non dimenticherò mai i minuti successivi: è stato lì con noi, insegnandoci come muovere il corpo, le mani ed i fili per dare agli aquiloni la grazia e la bellezza che solo lui è in grado di esprimere quando fa volare i suoi. Ero più che sorpresa perchè non avrei mai pensato che un grande campione come lui potesse fermarsi, nel vero senso della parola, per insegnarci a volare. Ray ha utilizzato i due bastoncini di legno come due aquiloni e li muoveva facendoci vedere l'esatto movimento che dovevamo compiere, "bacchettandoci" le mani ad ogni movimento errato. Questo l'ha fatto diventare ai miei occhi il vero Maestro. Durante gli anni abbiamo conosciuto anche l'Uomo Ray Bethell, che è diventato nostro amico. L'abbiamo visto in spiaggia con le lacrime agli occhi, dolorante per una caduta che gli aveva causato un forte dolore alla spalla, ma lui era sempre lì a volare con la consueta grazia, passione ed amore per la vita. Ho sempre detto a tutti che Ray è come un grande Nonno per tutti i bambini che sognano la sua firma sul proprio aquilone e un grande Uomo per tutte le persone che lo incontrano durante i festival, persone di tutto il mondo. Se volete incontrarlo, fate in modo di essere in spiaggia la mattina presto, lui è sempre il primo ad arrivare e l'ultimo ad andarsene la sera con la sua sempre sorridente e gentile Dolores. Se volete parlargli e stringergli la mano, non abbiate paura, non solo vi conoscerà volentieri ma riceverete anche un grande grande abbraccio e un sorriso che vi farà ricordare di averlo incontrato. Se volete congratularvi con lui per la sua performance sul campo di volo, salutatelo con le mani in alto, così capirà che avete apprezzato il suo spettacolo (e siete sempre i benvenuti se volete portargli qualcosa di fresco da bere).

Piango sempre quando lo vedo volare, perchè vi garantisco che lui non fa volare i suoi aquiloni, ma vola con loro. Grazie Ray e... ci vediamo a Cervia!

Grazie Ray per aver letto queste righe e per averci permesso di pubblicarle.

Con rispetto, Cristina


Ultimo aggiornamento (Sabato 02 Aprile 2011 00:19)